giovedì 9 febbraio 2012

CHIACCHIERE... FRAPPE....BUGIE.....: voi come le chiamate???

Ma quanto sono buonI i dolcini di carnevale????? Sono preparazioni tipiche chiamate con nomi diversi a seconda delle regioni di provenienza: lattughe in Lombardia, cenci e donzelle in Toscana, frappe e sfrappole in Emilia, cròstoli in Trentino, galani e gale in Veneto, bugie in Piemonte, CHIACCHIERE A CASA MIA (Calabria), ecc.....
Quest'anno le ho fatte per la prima da quando vivo a Roma... Ad insistere questa volta è stato Carmine, ma ha fatto molto bene perchè le tradizioni non vanno mai abbandonate e a Carnevale si preparano sempre le chiacchiere!
Sono venute davvero bene e naturalmente dovrò rifarle in settimana perchè.........sono quasi finiteeeeee!! :)

INGREDIENTI:
250 GR. DI FARINA
3 O 4 CUCCHIAI DI ZUCCHERO (in base ai propri gusti...io ne ho usato  4)
25 GR. DI BURRO
2 UOVA INTERE
LIQUORE A SCELTA
1 PIZZICO DI SALE

PROCEDIMENTO:
Amalgamate, con il robot da cucina, la farina con lo zucchero ed il pizzico di sale. Versate successivamente il burro freddo tagliato a pezzettini e unite le uova continuando a mescolare fino a formare un impasto omogeneo.
Impastate bene e lascete riposare il tutto per mezzora (nel frattempo io ho aperto l'olio e l'ho fatto riscaldare fino a raggiungere la temperatura giusta, caldissimo ma non bollente).
Trascorso questo tempo iniziate con il classico procedimento: stendete la pasta in modo da ottenere una sfoglia sottile (è consigliabile l'utilizzo della macchinetta. Io ho usato il mattarello e ho trovato un pò di difficoltà) e tagliate le forme con una rotellina a taglio smerlato. Io ho inciso al centro di ognuna un taglio facendo passare al suo interno un'estremità del rettagolo come per formare un nodo. Questa è la forma tipica che usiamo a casa mia.


Ponete le strisce così ottenute (2 o 3 alla volta) in abbondante olio ben caldo ma non bollente, girandole su ambo i lati e stando attenti a non bruciarle. Appena diventeranno dorate, toglietele dall’olio e ponetele a sgocciolare su di una carta assorbente. Quando diventeranno fredde ponetele su di un piatto da portata e cospargetele di zucchero a velo.

13 commenti:

  1. Gegè! mi prendi per la gola!! Che belle..e che buoneee!!! ^_^

    RispondiElimina
  2. Chiacchiere anche da me!!!! Certo che lattughe non lo avevo mai sentito.....!!!! Comunque hai fatto bene a farle, ti sono venute proprio bene!!!! Non vedo l'ora di farle anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :) Sono molto semplici e veloci....

      Elimina
  3. Anche io li voglio fareeeeeee....buoneeeeeeeeeeeeeee!

    RispondiElimina
  4. Da me si chiamano chiacchiere! Qualunque sia il nome so soltanto che sono favolose!Ciao

    RispondiElimina
  5. In Trentino sono i crostoli o meglio "grostoi" in dialetto ;-) Non li mangio ma..vi sono venute favolose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Yrma :)
      Anni fa neanch'io le mangiavo...ma piano piano il mio palato ha iniziato ad apprezzarle.. Però a dire il vero non mangio quelle dei supermercati non mi piacciono per niente!..

      Elimina
  6. A Roma frappe e a Trieste crostoli e i vostri sono meravigliosi! Complimenti anche per tutto il vostro delizioso blog: mi sono unita ai vostri lettori fissi, così da non perdermi le prossime realizzazioni! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  7. anche da me crostoli...ma siamo in Veneto...credo che da provincia a provincia si chiamino diversamente, e l'Italia è bella anche per questo, o no? Però galani, crostoli o frappe sono sempre buonissimi!!!

    RispondiElimina
  8. A Bologna le chiamiamo sfrappole, ma sono ugualmente golosissime!
    Ciao, Sara

    RispondiElimina
  9. Anche a casa mia si chiamano chiacchiere...qui a Padova invece le chiamano galani! Indipendentemente dal nome..sono ottime!!

    RispondiElimina
  10. al di la di come si chiamano sono venute molto buone

    RispondiElimina
  11. eccomiiiiiiiiiiii! le fai come la mia mamy!!!!!! bravaaaaaaaaaa :-) ciao da Luna ^-^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...